La Web Analytics e l’analista di Fabio Pagano

Chi è Fabio Pagano

Fabio Pagano
Laureato presso il Politecnico di Torino in Ingegneria Informatica. Specialista del Marketing On-line sin dal 1995, fondatore, CEO & Product Manager di SitoVivo Srl, azienda specializzata in strategie e strumenti per il Web Marketing One-to-One, nonché consulente ICT e professore in diversi corsi e seminari. SitoVivo è la prima suite di strumenti integrati che permette ai gestori dei siti di applicare la filosofia del Marketing One-to-One ideata da Peppers & Rogers.

Video:

Pagano gt conference from Giorgio Taverniti on Vimeo.

Slide:


Warning: Missing argument 2 for wpdb::prepare(), called in /home/wpmeow/public_html/wp-content/plugins/friendfeed-comments/friendfeed-comments.php on line 436 and defined in /home/wpmeow/public_html/wp-includes/wp-db.php on line 1154

Add a comment on FriendFeed




11 Responses to “La Web Analytics e l’analista di Fabio Pagano”

  1. Mauro says:

    Sig. Pagano, mi scusi ma la sua presentazione non mi è piaciuta, si è dilungato troppo “presentando” un suo prodotto, il mio interesse era rivolto alla Web Analytics e le poche nozioni che ha trasmesso non erano all’altezza delle aspettative, sinceramente non mi hanno lasciato nulla.

    Spero che questa critica sia da lei interpretata in modo costruttivo, in modo che in altre occasioni possa pensare di cambiare il suo modo di esporre, non credo di essere stato il solo ad avere avuto questa impressione, parlando con altre persone che erano tra il pubblico alla conferenza (quelle che sono rimaste fino alla fine…altre sono uscite prima) l’impressione era quella che le ho esposto.

    Mauro

  2. Fabio says:

    Siamo in democrazia e quindi i commenti sono tutti ben accetti ;-) Specie quelli costruttivi.
    Purtroppo non sento nel Suo intervento dei riferimenti precisi a
    cosa non sia piaciuto a parte il Suo commento generico.

    Inoltre ho avuto feedback diversi dal suo (positivi) da molte persone del pubblico,
    ma ripeto siamo in democrazia e anzi mi interessano molto i commenti per migliorare ;-)

    Ho tentato di essere neutrale nella valutazione di casi differenti di tracciamento
    con strumenti diversi e ho piu’ di una volta chiesto feedback alla platea,
    e difatti mi sembra di aver commentato (insieme appunto al pubblico)
    pregi e difetti di strumenti come Google Analytics o Yahoo Search Marketing e…
    ovviamente mi e’ venuto naturale anche specificare tra gli altri,
    le differenze con SitoVivo, che e’ il prodotto che conosco meglio.

    Comunque, io volevo solo specificare che, purtroppo, qualunque strumento ha i suoi limiti (e i suoi pregi)
    e ho tentato di evidenziarli.

    Per concludere, ho tentato di mettere in evidenza dei casi di studio che sono relativi alla web analytics avanzata, spesso trascurati (click fraud detection, email analytics, dettagli su transazioni fallite spesso automaticamente – da tutti i sistemi (SitoVivo compreso) – considerate nei conteggi se l’analista o il cliente non interviene personalmente) a parte il piu’ classico ROI delle campagne, sottolineando l’importanza del valore della figura dell’analista esperto e non dello strumento, riportando casi reali.

    Comunque ringrazio per il feedback e rivedro’ il video per capire
    quali passi migliorare per il prossimo futuro. ;-)

    Fabio Pagano

  3. Marco - seconda fila a destra says:

    Anche io penso che l’intervento del Sig. Pagano è stato troppo commerciale e si allontanava dagli altri interventi. Posso comunque dire che alcune sue indicazioni sono state per me utili e le metterò in pratica nel mio lavoro.

    Grazie

  4. Fabio says:

    Sempre ringraziando per il feedback, che mi aiutera’ per le prossime volte, direi che sono in parte daccordo (avendo rivisto il video del mio intervento).

    Del resto quando si parla di web analytics e degli analisti, diventa molto difficile non parlare dello strumento.

    Da quest’ultimo infatti si estrapolano le informazioni necessarie per una attività di consulenza al
    cliente a tutto tondo e altrimenti non potrebbe essere.

    Tra l’altro il pezzo introduttivo era infatti:
    “Ma come l’avete fatta quella stima?”
    che anche per deformazione professionale (troppa ing. informatica si vede che mi ha deformato il cervello… ;-) )
    mirava a far riflettere sul problema che strumenti
    diversi contano diversamente.

    L’obiettivo del mio intervento mirava a far ragionare sull’importanza della figura professionale
    dell’analista e degli strumenti che utilizza, eventuali fraintendimenti possono essere nati dalla ristrettezza dei tempi entro i quali ho esposto un’argomento per cui sarebbero necessarie giornate intere.

    Ma ripeto e’ una mia personale opione (o meglio il mio desiderio durante la preparazione dell’intervento).

    Il fatto che Marco dica che alcune indicazioni gli sono tornate utili mi fa certamente piacere. ;-)

  5. Vincenzo says:

    Al di là dell’utilità di alcune cose dette, che non metto in dubbio, anche io ho trovato l’intervento troppo lungo e troppo commerciale. Questo forse non era nelle intenzioni del relatore, ma è l’impressione arrivata al pubblico. Consiglio dunque di essere molto più attento a questi aspetti la prossima volta, in quanto è risultato molto fastidioso (e lo stesso è parso a tutti quelli con cui ho parlato).
    Fabio diceva che di non avere abbastanza tempo, ma la dote fondamentale di un buon speaker è di dire tutto in modo conciso ma al contempo esaustivo rispettando i tempi…

    Per concludere, secondo me si ottengono più contatti presentandosi come un esperto che come commerciale…

  6. Fabio says:

    Cito testualmente parte degli ultimi 2 feedback:

    Marco: “…alcune sue indicazioni sono state per me utili e le metterò in pratica nel mio lavoro.”

    Vincenzo: “…utilità di alcune cose dette, che non metto in dubbio…”

    Essendo contento che almeno qualcosa di quello che ho trasmesso
    e’ risultata a Voi utile, ovviamente saro’ piu’ attento ai tempi
    e alle modalita’ di presentazione per le prossime occasioni.

    Grazie per i preziosi feedback ;-)

    Fabio Pagano

  7. La Web Analytics e l’analista: video e slide di Fabio Pagano alla gtConference http://tinyurl.com/nd7npf

  8. La Web Analytics e l’analista di Fabio Pagano | gtConference…

    La Web Analytics e l’analista di Fabio Pagano | gtConference…

  9. Alex says:

    L’intervento parte da un tema interessante: per quanto i tool possono essere evoluti l’analista è colui che fa la differenza.
    Purtroppo però le argomentazioni e lo stile espositivo non sono stati efficaci. Buona l’idea del filmato dei pinguini ed azzeccata la metafora associata. Poco chiara l’esposizione ed il collegamento fra i vari argomenti introdotti. Presentazione davvero troppo lunga.

  10. [...] La Web Analytics e l’analista. Misurare, controllare, analizzare – Case Histories Click e conver… Relatore: Fabio Pagano [...]

  11. Fabio Pagano says:

    Alex: grazie per il feedback, che mi trova daccordo sulla lunghezza, meno sull’efficacia.

    L’intervento infatti inizialmente era pensato per 30 min circa inizialmente.

    Giorgio mi ha chiesto di poter sostituire il collega relatore dopo di me che purtroppo si era ammalato e ho fatto del mio meglio, aggiungendo qualche case history e dando seguito ad una maggiore interazione con il pubblico…

    L’amore per l’argomento ha fatto il resto. ;-)

    Sono a Vs disposizione per eventuali chiarimenti/approfondimenti sui “contenuti”,
    visto che il resto e’ stato credo ampiamente dibattuto ;-)

Leave a Reply


Fatal error: Call to undefined function get_commentwitter_input() in /home/wpmeow/public_html/wp-content/themes/gtconf/comments.php on line 80